Politica

M5S, espulso il senatore Gianluigi Paragone

Il collegio dei probiviri del Movimento 5 stelle ha espulso il senatore Gianluigi Paragone: la motivazione chiave è stata quella di non aver votato la fiducia alla manovra. La memoria presentata da Paragone al collegio non è quindi stata ritenuta sufficiente.
Con questa espulsione si assottigliano dunque i numeri M5S al Senato: solo il mese scorso tre senatori Ugo Grassi, Francesco Urraro e Stefano Lucidi sono passati alla Lega. E esattamente un anno fa venivano espulsi i senatori Gregorio De Falco e Saverio De Bonis per “reiterate violazioni dello statuto”, mentre a giugno era stata espulsa la senatrice Paola Nugnes.

Paragone ha risposto con un laconico post su Facebook: la foto di un foglio di carta intestata del Senato della Repubblica sul quale, scritto a mano in stampatello grande si legge l’appunto “Sono stato espulso dal nulla…”; sotto, in stampatello un po più piccolo la chiosa “c’era una volta il 33% ora…”.

To Top