Itinerari Turistici

Gli antichi ponti di Roma

Il nucleo originario dell’Antica Roma Quadrata era costituita sul Palatino, da questo colle si estese la città alle valli e ai colli circostanti. Nacque la Roma che era cinta dalle mura serviane e che si estendeva a Campo Marzio. Dunque per molto tempo Roma si è sviluppata sulla riva sinistra del tevere e per passare il fiume ci si serviva di un guado. Durante il VI sec. A.C. venne costruito il primo portale in legno, a valle dell’Isola Tiberina, Pons.Sublicius. Nel 170 A.C. fu costruito il Pons. Aemilius ( Ponte Rotto). Fu la prima costruzione in pietra e arcate di legno.

Il Pons Agrippae (attuale Ponte Sisto) fu costruito tra il 41 e 44 d.c., serviva a collegare la riva sinistra del Tevere con Trastevere dove Augusto stava portando l’acqua dell’acquedotto Aleutino. Il ponte attuale è stato riedificato da Baccio Pontelli negli anni 1473-79 per volere di Sisto IV, fu compleatato nel 1479, da cui deriva il nome attuale di Ponte Sisto.

Ponte Sant’Angelo fu costruito dall’architetto Demetriano e progettato dall’imperatore Adriano come accesso al suo Mausoleo. I lavori iniziarono nel 121 e fu completato il 134 o il 135. Nel Medioevo il Ponte divenne accesso al Castello e via di comunicazione per superare il Tevere. Nel V secolo cadde Ponte Neroniano e Pons Elius, come era chiamato all’epoca, divenne la via di comunicazione diretta con la Basilica di San Pietro. La denominazione di Ponte Sant’Angelo si riferisce ad un episodio che vide protagonista il Papa S.Gregorio Magno che attraversando il ponte vide l’Arcangelo Michele sull’alto del Castello, nell’atto di rinfoderare la spada per segnare la fine dell’epidemia.

Pons Muluius, Ponte Milvio o Ponte Molle sulla via Flaminia fu costruito nel 109 A.C, ponte strategico perchè coinvolgevano le principali vie di comunicazioni. Originariamente in legno Ponte Milvio fu ricostruito in peperino e Travertino da Marcus Aemilius Scaurus nel 109 A.C. E’ sempre stato il punto di passaggio obbligatorio per entrare a Roma da nord, per la via Flaminia e Cassia e altre.

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top