Mondo

Iraq, a Mosul l’esercito riprende il controllo della moschea Al-Nuri dall’Isis

L’esercito iracheno ha annunciato di aver ripreso il controllo della Grande moschea di Al-Nuri a Mosul, nella città vecchia che è ancora in mano ai jihadisti dell’Isis.

La moschea, la più nota della città irachena, è stata la sede dell’annuncio di Abu Bakr al Baghdadi della nascita del Califfato islamico nel 2014.

 La moschea è stata praticamente distrutta dall’Isis, come mostrato da alcuni video. Un comandante delle stesse forze speciali ha riferito ad Afp che mentre la Grande Moschea è stata quasi riconquistata, la liberazione della zona dai jihadisti dell’Isis non è stata ancora portata a termine.

16 maggio 2017|Iraq, l’esercito conquista il 90% di Mosul Ovest

Le forze irachene hanno ricatturato circa il 90% di Mosul Ovest, strappandolo allo Stato islamico dopo aver già ripreso la parte orientale della città quest’anno. Lo ha annunciato un portavoce militare.

L’Isis controlla ancora “il 10.5% della sponda occidentale” del fiume Tigri, ha spiegato il generale Yahya Rasool, portavoce del Comando del operazioni congiunte in una conferenza stampa a Baghdad, riferendosi a Mosul Ovest. 

5 maggio 2017|Liberati altri due quartieri a Mosul Ovest.

Le forze irachene hanno annunciato oggi la liberazione di altri due quartieri nella parte occidentale di Mosul, dove da mesi infuria la battaglia tra i governativi ed i jihadisti dello Stato Islamico (Isis) che nell’estate del 2014 avevano proclamato il loro Califfato.

Lo riferiscono media locali. “Le unita della nona divisione corazzata hanno liberato oggi completamente il quartiere Musheirafa 2 e la zona della chiesa dove si trova il grande monastero Mar Michael sul versante sinistro del fiume Tigri”, si legge in una dichiarazione del comandante delle operazioni per la liberazione della città, il generale Abdul Amir yarallah come riporta la tv satellitare curda-irachena Rudaw.

Mosul, seconda città dell’Iraq, è composta complessivamente da 86 quartieri distribuiti sui due lati del Tigri. Dall’inizio della vasta offensiva scattata lo scorso 18 ottobre, l’esercito è riuscito a liberare a gennaio tutti i quartieri che si trovano sulla sponda Est del fiume. Lo scorso 19 febbraio è partita la seconda fase dell’offensiva per riprendere la parte occidentale, più piccola di quella orientale ma decisamente più ostica soprattutto per l’alta densita della popolazione che vive tra vicoli stretti.

Complessivamente, le truppe di Baghdad hanno cacciato i jihadisti da 76 quartieri lasciandone ancora altri 10 in mano agli uomini del Califfo.

20 aprile |Iraq, l’esercito avanza a Mosul Ovest. Liberato il quartiere di Al Nassir

L’ esercito iracheno ha liberato il quartiere di Al Nassir, nella parte occidentale di Mosul, dopo scontri violenti contro militanti dell‘Isis.

Lo riferisce l’ufficio stampa dell’esercito annunciando che le forze antiterrorismo hanno liberato il quartiere questo pomeriggio dopo aver liberato in precedenza al Thawra, situato fra quello di Al Abar e la città vecchia di Mosul.

A 60 giorni dal lancio delle operazioni militari a Mosul ovest, le forze irachene sono giunte ormai a poca distanza dal minareto al Hadba e alla Grande moschea di al Nouri dove nel giugno 2014 Abu Bakr al Baghdadi, leader dello Stato islamico, ha proclamato il suo “califfato”.

21 marzo 2017  |Iraq, proseguono i combattimenti nella città vecchia di Mosul

Proseguono i combattimenti nella Città vecchia di Mosul, attorno alla moschea al Nuri dove nel 2014 il leader dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi annunciò la nascita del califfato.

Le forze irachene hanno lanciato lo scorso 19 febbraio l’operazione per riconquistare la zona occidentale di Mosul, l’area più densamente popolata della città ancora in mano all’Isis, nell’ambito dell’offensiva contro i jihadisti avviata lo scorso ottobre. Sono oltre 180.000 le persone fuggite finora dalla zona occidentale di Mosul.

Durante la battaglia  jihadisti dello Stato islamico (Isis) hanno catturato ieri nove agenti della polizia irachena, tra cui un colonnello, nella zona occidentale di Mosul, nel Nord dell’Iraq.

“Dopo violenti scontri nella zona Ovest di Mosul, i terroristi del Daesh hanno catturato nove poliziotti, tra cui un colonnello”, ha detto il ministero dell’Interno iracheno in un comunicato riportato dall’agenzia di stampa siriana Ara News.

“L’operazione è avvenuta nel quartiere di Bab al-Jadid, nell’Ovest di Mosul, dove l’Isis è riuscito a impedire alle forze irachene di avanzare verso la sua ultima roccaforte”, ha precisato all’agenzia il responsabile media della provincia di Niniveh, Raafat al-Zarari. Gli agenti sarebbero stati catturati
una volta rimasti senza munizioni.

To Top