Mondo

Attacco alla Siria. Usa, Gran Bretagna e Francia attaccano il regime siriano. 

Attacco alla Siria. Usa insieme a Francia e Gran Bretagna hanno attaccato il regime siriano. Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato di aver ordinato un raid contro il regime siriano condotto assieme a Francia e Gran Bretagna. “Poco fa ho ordinato alle forze armate statunitensi di lanciare attacchi in Siria” ha detto Trump alle 21 ora americana, le 3 in Italia. Il presidente americano ha annunciato “attacchi di precisioni” contro obiettivi in Siria collegati al programma di armi chimiche. 

 Tre gli obiettivi colpiti nella notte e indicati dal capo degli Stati maggiori riuniti, il generale Joseph Dunford, durante un un briefing al Pentagono: un centro di ricerca a Damasco, un deposito di armi chimiche a ovest di Homs, un altro deposito e un centro di comando sempre nei pressi di Homs. Il responsabile del Pentagono ha dichiarato che “questi raid sono diretti contro il regime siriano: nel condurlo abbiamo fatto di tutto per evitare vittime civili e straniere”.

 Il ministero della Difesa russo, citato dalla Tass, ha reso noto che contro gli obiettivi siriani sono stati lanciati oltre 100 missili. Tuttavia, nessuno dei missili lanciati da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna è entrato nella zona della difesa area russa dispiegata a Tartus e Hmeymim. 

Trump ha parlato di una decisione presa in seguito all’attacco “spregevole e malvagio” a Douma e attribuito al regime siriano. “Non è stata l’azione di un uomo – ha sottolineato – ma il crimine di un mostro”. “L’obiettivo di questa azione – ha sottolineato Trump, ricordando che “il massacro” di una settimana fa ha rappresentato “un’escalation significativa” nell’utilizzo di armi chimiche da parte “di un regime veramente terribile” – è di creare un forte deterrente contro la produzione, la diffusione e l’uso di armi chimiche”.

 Con l’attacco del 7 aprile scorso a Douma, ha rimarcato Emanuelle Macron, “la linea rossa fissata dalla Francia a maggio del 2017 è stata superata”. Per questo, ha detto “ho ordinato alle Forze armate francesi di intervenire. In una nota diffusa nella notte, il presidente francese ha fatto sapere che “non si può tollerare la banalizzazione dell’impiego di armi chimiche, un pericolo immediato per il popolo siriano e per la nostra sicurezza collettiva”.

Anche la britannica Theresa May. “Non c’erano alternative praticabili all’uso della forza per degradare e dissuadere dal ricorso alle armi chimiche il regime siriano” ha detto May, giustificando la partecipazione ai raid. “Non stiamo intervenendo nella guerra civile, non si tratta del cambio di regime” ha precisato la premier inglese, che ha descritto i raid come “un attacco limitato e mirato”. L’azione, ha aggiunto, “manderà un segnale chiaro a chiunque creda di poter usare le armi chimiche impunemente: non possiamo permettere che l’uso di armi chimiche sia normalizzato, in Siria, nelle strade del Regno Unito o dovunque nel mondo”.

Dura la replica del Cremlino. Il presidente Putin ha parlato di “un atto di aggressione contro una nazione sovrana”, mentre l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Anatov ha annunciato che l’attacco non resterà senza “conseguenze”. “Insultare il presidente della Russia – ha rimarcato – è inaccettabile e inammissibile”. “Tutta la responsabilità sta a Washington, Londra e Parigi – ha detto in una nota – Gli Stati Uniti, Paese che ha il più grande arsenale di armi chimiche, non ha il diritto morale di accusare altri Paesi”.

Anche l’Iran ha avvertito che dopo i raid, che condanna “fortemente”, ci saranno “conseguenze regionali”. Secondo quanto si legge sul canale Telegram del portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, “gli Stati Uniti e i loro alleati, senza alcuna prova e prima anche di una presa di posizione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac), hanno condotto questa operazione militare contro la Siria e sono responsabili delle conseguenze regionali di questa azione avventurista”.

 Le Forze armate siriane hanno confermato che sono stati colpiti obiettivi del regime. In un comunicato letto in tv da un generale dell’esercito delle Forze armate siriane si riferisce che il raid sul centro di ricerca di Barzeh, a nordest di Damasco, ha provocato danni materiali e che la difesa siriana è riuscita ad abbattere molti missili dopo aver risposto all’attacco con “grande efficienza”. L’esercito ha inoltre confermato che alcuni missili hanno mancato l’obiettivo, finendo su una base militare nei pressi di Homs e ferendo tre civili.

To Top