Natura

Catastrofi, nel 2015 danni per 92 Miliardi di dollari

Nel 2015 le catastrofi naturali e quelle provocate dall’uomo hanno causato danni per 92 miliardi di dollari a livello mondiale. Il valore è nettamente più basso (-20%) di quanto registrato l’anno precedente, stando all’ultimo studio Sigma della compagnia di riassicurazione svizzera Swiss Re. Il dato complessivo è anche nettamente inferiore alla media decennale, che si attesta a 192 miliardi di dollari. Lo scorso mese di dicembre, il riassicuratore zurighese aveva presentato un primo conteggio che prendeva in considerazione danni per 85 miliardi di dollari. Malgrado il leggero aumento, la cifra rimane chiaramente al di sotto dei 113 miliardi di dollari di danni registrati nel 2014.

Stando allo studio, il calo complessivo è in particolare legato al fatto che l’anno scorso negli Usa non ci sono stati uragani di forte intensità. Più nel dettaglio, le catastrofi esclusivamente di origine naturale hanno causato danni all’economia per 80 miliardi di dollari, contro i 104 miliardi registrati nel 2014. I danni di quelle provocate dall’uomo sono passati da 9 a 12 miliardi. Gli assicuratori hanno coperto i danni versando 32 miliardi di dollari, contro i 35 miliardi del 2014 (-14%). Di questi 9 miliardi sono stati impiegati  per catastrofi generate dall’uomo (+22%) e 23 miliardi (-23%) per eventi naturali.

L’evento catastrofico più grave è stato il terremoto in Nepal, con un bilancio di 9000 morti e mezzo milione di abitazioni distrutte. Se si tiene conto anche delle conseguenze registrate in India, Cina e Bangladesh, i danni complessivi del terremoto hanno raggiunto gli 8 miliardi di dollari. Visto tuttavia il bassissimo tasso di coperture assicurative, in Nepal le assicurazioni hanno dovuto versare soltanto 160 milioni di dollari.

La catastrofe risultata più costosa per le assicurazioni è invece stata la serie di esplosioni che ad agosto ha devastato l’area del porto di Tianjin, in Cina, uccidendo 139 persone. Ancora è impossibile valutare i danni complessivi per l’economia della regione. Quelli coperti dalle assicurazione dovrebbero situarsi fra i 2,5 e i 3,5 miliardi di dollari, secondo una stima di Swiss Re.
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

To Top